In pochi conoscono questo posto più che degno di nota, situato in Calabria, nella Presila Catanzarese o Sila Piccola, dove la natura è imponente.

Sembra un luogo nascosto, quasi segreto, e invece pare si tratti del secondo canyon più alto d’Europa, apprezzato e visitato soprattutto dagli stranieri! Sto parlando della Riserva Naturale Regionale Valli Cupe (Riserva Naturale Regionale da Dicembre 2016), un’area naturalistica e geologica incontaminata e meravigliosa, definita dal naturalista belga John Bouquet “il segreto meglio custodito d’Europa”.

Qui troverete alberi secolari e monumentali, rare specie animali e vegetali, oltre 100 cascate (censite e catalogate), gole, monoliti e pareti tortuose alte fino a 130 metri, un luogo e un patrimonio che merita di essere scoperto, ammirato, apprezzato, esaltato e vissuto.

Canyon Valli Cupe

Dà l’idea di un tesoro nascosto, che aspetta di essere scoperto ed esplorato.

Il territorio complessivamente è abbastanza vasto e si snoda tra i comuni di Sersale e Zagarise. La cosa meravigliosa è che si trova a breve distanza dalla costa, per questo avvicinandosi si può ammirare il paesaggio che scorre sotto i vostri occhi, cambiare repentinamente. Si passa così da uno scenario tipicamente costiero, marino, alle colline dalle curve sinuose e dall’aria selvaggia. Si ammirano uliveti, fichi d’india, arbusti sempre verdi tipici della macchia mediterranea, fino a giungere alle distese verdi più tipicamente montane, costituite da boschi di pino, querceti, castagneti, felci, rocce..

All’interno della vasta area della riserva, interessanti dal punto di vista storico, mitologico e culturale, ci sono antichi centri e borghi. Troverete i resti della città perduta di Barbaro, di cui si narrano misteri e leggende che hanno a che fare con malefici, streghe e incantesimi.. Sono presenti resti di castelli, monasteri e le rovine dell’antica città di Marcaglione.

E’ possibile visitare e vivere questi luoghi in uno o più giorni in base ai vostri interessi e al tempo a disposizione, e in maniere differenti: esplorando autonomamente le diverse aree (con l’acquisto di un biglietto da 7 euro) oppure attraverso visite guidate organizzate. Le attività proposte sono diverse: dalla balneazione fluviale, alle escursioni a dorso d’asino e a cavallo lungo i sentieri, ai corsi specialistici per tutti gli appassionati.

Tutto questo allo scopo di “avvicinare le persone alla natura e rendere l’esperienza di visita della zona, unica e indimenticabile“.

Ed è proprio così, la Riserva Naturale Regionale Valli Cupe è un luogo remoto, unico e sorprendente, dove è visibile la tutela dell’ambiente naturalistico e del patrimonio storico e culturale, la salvaguardia del territorio, la valorizzazione delle risorse, un luogo dove si fa seriamente turismo ecosostenibile.

E poi, come concludere al meglio e in maniera indimenticabile una intensa giornata trascorsa in montagna?! Tuffandosi nel mar Ionio dopo il tramonto ovviamente! In Calabria si può!